Il mondo delle trans è affascinante, per certi aspetti forse oscuro e misterioso ma decisamente da approfondire, conoscere e raccontare.
Anche tu sei curioso e vuoi sapere qualcosa in più?

Bene, sei nel posto giusto e scoprirai tante curiosità, conoscerai storie, vere trans escort e non ed anche i racconti e le esperienze con i loro amanti.
Ecco cosa potrai trovare online scorrendo tra gli annunci e cosa aspettarti da un incontro più o meno erotico.


TRANS ESCORT
Nel mondo delle trans ci sono anche tantissime accompagnatrici, o escort appunto che offrono la loro presenza, e non necessariamente rapporti sessuale, a diverse tipologie di persone.
Sicuramente fare l‘accompagnatrice è molto più gratificante, soprattutto se con il cliente non c’è un’attrazione sessuale, riferiscono molte di loro, e poi si possono frequentare luoghi e persone nuove, anche e soprattutto molto colte.
Non solo, di sovente gli incontri si svolgono in città d’arte e si visitano ristoranti ed alberghi di lusso che magari non si sarebbero mai potuti visitare svolgendo un qualsiasi altro mestiere “tradizionale”.
Questa fortuna è la stessa delle escort e degli accompagnatori etero o omosessuali, alla quale si aggiunge spesso anche un guadagno economico notevole e comunque meritato.
Di contro si viene a contatto con diverse tipologie di clienti e non tutti sono affabili, rispettosi e clementi, anzi a volte le trans sono discriminate, trattate come merce e mal considerate.
È complesso capire perché un uomo scelga di farsi accompagnare ad un evento da una transex, o di avere con lei un incontro sessuale e poi maltrattarla o denigrarla, ma ahimè succede anche questo ed il mestiere non è sempre sicuro al 100%.
La capacità di captare qualche anomalia psicotica dei possibili clienti si acquisisce col tempo, con l’esperienza, ma bisogna essere sempre cauti e cercare di prendere tutte le precauzioni del caso e non solo per quanto riguarda l’uso di preservativi.
Se siete quindi escort alle prime armi state attente, scegliete incontri in luoghi non del tutto isolati, in alberghi o residence dove è eventualmente facile chiedere aiuto, ecc.

ANNUNCI TRANS DI INCONTRI: LE FOTO E VIDEO USATI
Un qualsiasi annuncio necessita di una foto o di un video accattivante, che mostri soprattutto le “qualità del prodotto in vendita”.
Per quanto riguarda gli annunci di incontri trans o generici è altrettanto fondamentale farsi vedere al meglio, mostrarsi nella propria interezza e non solo descrivendo pro e contro con un testo adeguato ed esaustivo.
Le trans, come tutte le altre accompagnatrici o chi cerca un rapporto sessuale o una relazione duratura, usano le foto e in generale gli annunci come un vero e proprio biglietto da visita, come una sorta di mini book.
Sembra un pò un discorso di marketing e pubblicitario ma ahimè l’occhio vuole la sua parte e la prima impressione è tutto.
Chi scorre tra infiniti annunci deve essere catturato subito, il profilo deve attrarre il futuro e possibile cliente e farlo fermare, fare in modo che clicchi sull’annuncio e che venga stimolato ad un primo contatto.
Le foto quindi è bene siano più naturali e professionali possibili, dimostreranno la serietà e la precisione della transex, ma mai devono essere ritoccate altrimenti il feedback negativo sarà immediato. Infatti un cliente che si aspetta una persona bellissima, ben curata e poi all’incontro trova una transessuale completamente diversa da quella dell’annuncio sarà uguale ad un lavoro perso e ad una cattiva pubblicità soprattutto sui social e nei commenti al profilo.
Quindi le belle foto sono d’obbligo, pose e mise devono mettere in luce i pregi della trans e rappresentarla in maniera reale, poi i video sono una cosa in più che può stupire il cliente e dargli un vero assaggio delle performance erotiche.

CHI C’E’ DIETRO GLI ANNUNCI PER INCONTRI?
I siti web che danno la possibilità di inserire annunci per incontri alle trans sono moltissimi, alcuni settoriali e dedicati ad esempio alle escort, alle mistress e altri invece aperti un pò a tutti gli amanti del sesso.
Chiunque può in via generale pubblicare il proprio profilo ed annuncio e farsi conoscere dalla community, chattare con i possibili clienti e anche scambiarsi foto e video hot.
Chi pubblica la propria richiesta di contatto può essere una trans mercenaria o meno, una professionista o una persona alle prime armi che magari non ha mai avuto esperienza come accompagnatrice.
Lo stesso vale per chi contatta le stesse transex: ci sono uomini onesti, altri meno, alcuni sono abituè ed altri neofiti o al loro primo rapporto erotico, qualcuno è un gentiluomo altri veri sfruttatori.
Purtroppo bisogna sempre prestare attenzione a chi potrebbe celarsi dietro ad un innocuo e semplice profilo web, prima di fissare un incontro stabilite sempre le condizioni, se siete escort fatevi magari versare un acconto.
Come già accennato prediligete gli incontri sicuri sia a livello sessuale, cioè usando precauzioni come i preservativi e stando in luoghi non del tutto isolati ed al primo campanello d’allarme cercate aiuto, interrompete l’incontro o la conversazione in chat.
Inoltre è bene non dare mai troppa confidenza, i vostri dati personali e il vostro indirizzo ed altre informazioni sensibili vanno tenute custodite, lasciatevi sì andare ma sempre con attenzione e maturità.

IL MONDO TRANS: TESTIMONIANZE DI CLIENTI ED ESCORT
Di seguito sono raccolte alcune testimonianze di clienti e frequentatori di transex, ma anche di reali escort che fanno parte di questo misterioso ed affascinante mondo.

Camilla: una giovane trans escort
Camilla è una giovane ragazza transex di origini coreane, in Italia da circa 10 anni. Qui ha raggiunto la sua consapevolezza come trans ed ha completato la sua formazione fisica e mentale. Si è sottoposta quasi subito alla mastoplastica additiva e poi ha proseguito con alcuni ritocchi come punturine di botox antirughe e per gonfiare le labbra. Camilla è il nome d’arte che utilizza nella sua professione di escort, che fa da circa 7 anni, mentre i primi 3 anni in Italia li ha passati lavorando come cameriera, ballerina nei night e donna delle pulizie. “Tutto quello che ho ora me lo sono guadagnato ed è giusto così, sarebbe stato ipocrita volersi far mantenere o cercare la proprie felicità appoggiandosi ad altri, magari ad un cliente facoltoso” afferma. La sua indole è molto docile, affabile e il suo aspetto ora lo rispecchia: è di bassa statura, occhi a mandorla, capelli lungi e castani, fisico ben tenuto e decisamente femminile. Camilla tiene molto al suo aspetto e afferma che preferisce avere una clientela fidata, poche persone che ormai conosce da tempo e di cui può fidarsi, ma non disdegna nuovi incontri anche non prettamente di lavoro. Si definisce soddisfatta della sua vita, ha una bella casa, manda regolarmente molti soldi alla sua famiglia che è rimasta in Corea ma che non sa quale mestiere svolga ed ha anche un compagno da 5 anni. “Conciliare le due cose delle volte non è semplice, il mio uomo è giustamente geloso ma fortunatamente i rapporti sessuali che concedo sono pochi” dichiara e continua dicendo che vorrebbe anche sposarsi e chissà, magari adottare anche un bambino. Il compagno l’ha anche presentata come fidanzata ufficiale alla famiglia, che l’ha accettata quasi subito ed ora sono molto uniti. Forse è un caso di rara serenità e di vita equilibrata nonostante questo mestiere sia comunque rischioso e tutt’altro che sempre idilliaco, ma Camilla afferma che il segreto per il successo è dentro di sé.

Paolo: cliente abituale
L’universo delle trans è acclamato e conta tantissimi clienti che prediligono le donne transex. Uno di questi uomini abituè del genere è Paolo, manager e fervido sportivo per passione. Ha 48 anni e da circa 10 frequenta regolarmente le trans escort sia per piacere che per immagine: infatti le sceglie per farsi accompagnare agli eventi, ai meeting ed alle presentazioni aziendali. “Nessuno mi ha mai fatto notare che fossi accompagnato da una trans, anzi ho sempre ricevuto complimenti per le bellissime donne con le quali sono spesso visto” dichiara. “Io amo le transessuali e non posso immaginare un futuro con una classica donna, mi stancherei subito e anche fisicamente non rappresentano il mio ideale, non mi eccitano abbastanza“. Paolo, abituato a confrontarsi con realtà straniere e con problemi finanziari, prende decisioni importanti per l’azienda e per tutti i lavoratori che ne fanno parte, dice che le donne di oggi sono troppo frivole, mentre una trans ha davvero qualcosa in più. Dice che sono persone che sicuramente hanno un passato doloroso, che sanno scindere i problemi futili da quelli più seri e che sono abituate a cavarsela da sole, anche ad accontentarsi. Paolo negli anni ha frequentato circa 250 transex e ora ne frequenta assiduamente solo 3, ognuna diversa dalle altre ma tutte accomunate dalla devozione per lui. “Mi sanno coccolare e non sono interessate solo al mio conto in banca, anzi con loro parlo di tutto e spesso mi danno anche ottimi consigli su come prendere decisioni importanti e non solo lavorative“. Per Paolo, e altri clienti di escort trans, queste donne sono uniche, hanno un aspetto femminile e anche maschile e un carattere forte, sensuale e malizioso, un perfetto connubio tra i pregi delle donne e degli uomini. Anche le transessuali che arrivano da realtà molto povere hanno nobili sentimenti e culturalmente sono molto aperte, vogliono imparare ogni cosa e sono umili, realiste e anche romantiche. Molte sognano la famiglia, una casa e il poter portare qui le loro famiglie se sono straniere. Alcune fanno beneficenza e preferiscono una vita discreta e lontana dai riflettori della TV e disdegnano la condotta malavitosa di molte colleghe.

Jackie: escort da 20 anni
Jackie è una escort che esercita da circa 20 anni, anche prima di rifarsi il seno con una mastoplastica additiva e di accentuare i suoi tratti femminili tramite altre operazioni interessanti soprattutto il volto. Jackie è italiana, siciliana e all’anagrafe è ancora iscritta come Santino, ma ormai da anni si sente una vera donna con tutti i pro ed i contro di esserlo. Ha deciso di intraprendere il mestiere di escort già in giovane età, quasi affascinata dalle vicende e dall’aspetto estetico di una prostituta del suo piccolissimo paese siculo. Questa signora era sempre ben vestita, anche se certo con comprava abiti firmati, ma anzi spesso e volentieri se li cuciva lei, si pettinava come una diva e sapeva anche cucinare benissimo. Era una donna in tutti gli aspetti sottolinea Jackie e da lei prese spunto. Sua madre invece lavorava in fabbrica e lui stava con la nonna tutto il giorno, una donna che lavorava in casa e faceva conserve e ogni altra sorta di leccornia per una drogheria della zona. Jackie in età adolescenziale sentì il bisogno di conoscere meglio quella donna prostituta e prese coraggio, andò da lei e le raccontò che la ammirava fin da piccola e che avrebbe voluto essere come lei. Ovviamente la signora non fece mistero sulle parti più negative del mestiere, raccontò tutto il suo tormento ma Jackie era convinta di voler fare la escort, ma transex. Così arrivò a Milano e iniziò a farsi vedere, si vestì bene, andò a farsi bella ed iniziò pubblicizzandosi in alcuni locali. Jackie era felice ogni volta che un cliente si avvicinava a lei: “anche oggi mi sento viva e tremendamente appagata quando esco con un cliente e dalle mie prime esperienze oggi faccio davvero pochi incontri a scopo sessuale. Più che altro accompagno i più diversi tipi di uomo a mostre, ad eventi, fingo anche di esserne al fidanzata. Sono contenta, mi sento me stessa e viva, ho raggiunto il mio sogno e me lo sto godendo” afferma.

Luca: neofita e cliente
Luca è un neofita, appena entrato in contatto con il mondo delle trans e già si ritiene rapito ed innamorato di queste donne uniche ed eccitanti. Luca ha 26 anni e da meno di 3 mesi ha avuto il suo primo rapporto erotico con una trans più o meno della sua età. “Da anni sognavo di provare un rapporto così! Mi hanno sempre attirato queste donne particolari e volevo vedere cosa si provava a penetrarle, a toccare il loro membro e a farmi eccitare da loro“. Luca è entusiasta e confessa che con le donne non ha mai provato delle emozioni così forti e non solo a livello fisico, ma anche mentale, di coinvolgimento sensoriale a 360°. Si è sentito davvero se stesso ha affermato  “libero di amare e godere nei modi più diversi e con una bella trans è possibile sperimentare davvero di tutto, soprattutto se trasgressiva al punto giusto.” Luca non ha da allora una transex fissa, ma ne ha già cambiate un pò: “Voglio provare a lasciarmi andare con quante più transessuali possibile! Ho bisogno di sperimentare e di rilassarmi, di sentirmi me stesso e con loro sono sicuro di poter fare ciò che davvero mi fa stare bene“. Luca ha tanti progetti e vorrebbe unire la professione all’universo trans, magari fondando un’agenzia matrimoniale trans, oppure inserendole nella sua azienda, o creando luoghi aperti al pubblico gestiti e diretti solo da loro. Questo per dimostrare che non hanno nulla di diverso o sbagliato, anzi, cercando così di sensibilizzare le persone e soprattutto di dare loro la possibilità di conoscerle davvero e da vicino. Uno scopo nobile davvero e tutto questo nasce dopo un rapporto erotico che ha dato una nuova luce e un nuovo punto di vista, un vero sorriso al giovane Luca, che non diverrà mai una transessuale, ma che si trova perfettamente a suo agio tra queste superbe ed accattivanti super donne.

Massimo Boris: volevo scoprire la mia sessualità
Massimo Boris è un ragazzo di 35 anni, si è sempre professato etero ma qualcosa gli ultimi anni lo stava cambiando. Sentiva un tormento interiore tremendo, che lo portò anche ad intraprendere una cura con psicofarmaci per curare una sospetta ansia, ma nulla aveva a che fare con chissà quale disturbo, stress da lavoro o problematiche economiche: lui stava cambiando! All’inizio non capiva cosa gli stesse succedendo, ma l’incontro con due suoi colleghi gay, una coppia di fatto da anni lo fece ragionare e riflettere sulla sua sessualità. I due lo portarono in locali omosessuali per fargli fare esperienza, ma ancora Massimo Boris non si sentiva pronto. In autonomia quindi e senza confessare nulla a nessuno decise di incontrare una trans: queste lo avevano sempre affascinato e colpito, lo attraevano molto sessualmente e anche mentalmente, forse pure per il loro coraggio. Prese un appuntamento con una di loro: era Moira, bellissima con un seno esplosivo, un vitino da vespa e due gambe lunghissime e toniche, labbra carnose ed invitanti e un sedere che sembrava di una ballerina di samba. Massimo Boris credeva che avendo un rapporto con lei avrebbe potuto capire quale delle sue parti fisiche gli davano più soddisfazione: cioè se amava ed era attirato dal pene o dal seno e dall’aspetto femminile. Inoltre avrebbe anche visto se provava fastidio o repulsione vedendo un pene come il suo nell’atto sessuale: Massimo Boris voleva provare e avere una prova tangibile della sua omosessualità vera o presunta. Fu così che ebbe un rapporto erotico come mai nella sua vita, prima faceva sesso solo con ragazze ma non si era mai lamentato. Massimo Boris addirittura scrisse un piccolo e breve ebook raccontando proprio questo amplesso: era stata una liberazione affermò. Si sentiva bene e nello specifico quando vide il pene di Moira il primo pensiero fu farle una fellatio, con soddisfazione ed attrazione fece venire la trans e poi la nottata continuò tra mille orgasmi diversi e i due continuano a frequentarsi, anche come amici. Massimo Boris si sentì una persona nuova, dichiarò la sua omosessualità a tutti e con fierezza: ora ha una relazione seria con una ragazzo veneto. È una relazione a distanza ma i due vogliono sposarsi e mettere su famiglia al più presto. In questo caso una trans ha davvero fatto la differenza!

Pamela: sono una donna che fa sesso con le trans
Le trans sono frequentate anche da moltissime donne in Italia e questo dato continua ad aumentare.Invece di scegliere un classico gigolò, spesso uomini maschilisti e che si sentono uomini solo perché siamo noi a pagarli, preferisco sinceramente una trans“, così esordisce Pamela. Lei è una giovane commessa che ama lo sport e che ha iniziato a frequentare le trans nel periodo in cui lavorava in un locale notturno nel quale molte si esibivano in spettacoli di danza. “Ballavano davvero, erano ballerine con anni di esperienza e non donne che sculettavano o si spogliavano in attesa di un qualsiasi cliente! Lì le ho conosciute ed ho appreso che sono esseri pensanti e davvero unici: sono intelligenti, sanno il fatto loro e non cercano il manager per farsi mantenere come invece fanno molte donne italiane“. Pamela è eterosessuale ma ama trasgredire a livello sessuale ed ha avuto anche esperienze lesbo fin dalla giovanissima età. Si ritiene curiosa e ama godere eroticamente, quindi l’esperienza con le trans è come un normale rapporto intimo, cambia solo la grande bravura della partner. “Le trans sanno unire la delicatezza e la sensualità dei gesti femminili nel sesso, a quelle prese forti e tenebrose tipiche dell’uomo: è un connubio davvero eccitante e che mi piace sempre di più, mi rilassa e mi rende appagata“, dichiara Pamela. Inoltre racconta tutto ciò con grande entusiasmo, con una rara serenità ed è fermamente convinta che le trans, quelle serie e che hanno sani principi, abbiano una marcia in più, qualcosa di quasi ultraterreno che le infonde ogni volta un equilibrio interiore unico. “Una seduta di sesso con una brava ed esperta trans è paragonabile delle volte ad un trattamento Reiki!“, ha anche detto. È evidente che Pamela sia una fervida sostenitrice delle trans, ma ha convinto anche alcune sue amiche ed anche il suo ex compagno. In questo universo è giusto immergersi per comprendere e per conoscere le vere protagoniste che, come nel mondo etero sono sia buone che cattive, oneste e disoneste, ecco perché non bisogna mai generalizzare, ma conoscere. Pamela dà un messaggio bellissimo alle donne e le invita ad esserlo di più, a mettere in luce anche i lati sensibili e non a mostrarsi come mangia uomini perché non è quello il genere femminile che conquista un vero uomo.